Un’interessante riflessione sull’uomo e la tecnologia

tav_rotonda_4megapix_no_scritte“L’uomo è ancora al comando?”.

Domani, mercoledì 30 novembre alle 18, avrà luogo , presso il Circolo del Design di via Giolitti 26/A a Torino una tavola rotonda che ci farà riflettere sull’influenza della tecnologia nella vita di tutti i giorni.

“Persi senza il navigatore”; “smarriti e isolati senza smartphone”; “incapaci di parcheggiare l’auto senza park assistant”: queste espressioni, sempre più frequenti, sembrano testimoniare la progressiva perdita di abilità da parte dell’uomo. Il progresso tecnologico dovrebbe fornire – nelle intenzioni dei progettisti – un ausilio per guadagnare nuove possibilità di azione. Ma se un eccesso di “esonero” portasse all’incapacità, all’impotenza, alla paralisi…?

A queste domande cercherà di dare una risposta la tavola rotonda “L’uomo è ancora al comando?” in cui interverranno: il Prof. Associato di Logica e Filosofia della Scienza all’Università di Torino, Vincenzo Crupi, l’economista Paolo Turati, l’imprenditore e designer Roberto Piatti e l’esperto di tecnologie applicate all’ Internet of Things e Big Data, Alberto Clara. Modera il Direttore del Circolo del Design, Paolo Maccarrone.

In questo scenario il designer ha una grande responsabilità nell’evoluzione del rapporto fra Uomo e Tecnologia: un po’ umanista e un po’ scienziato, egli si trova infatti a mediare fra arte, artigianato e industria.

Enzo Mari, già molti anni fa, sosteneva che prima di mettersi a progettare è necessario, giusto e morale chiedersi se quanto vogliamo progettare è proprio necessario, se no molto meglio piantare un albero.

È dunque proprio il ruolo del designer contemporaneo, compresso fra queste importanti responsabilità e un rapporto sempre più stretto e pervasivo dell’uomo con la tecnologia, che questa tavola rotonda si propone di analizzare grazie al contributo dei suoi ospiti qualificati.

 

Commenti